Google PlusFacebookTwitter

Riflessioni

By on Gen 29, 2019 in Post | 0 comments

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

→ Le persone che hanno difficoltà ad essere se stessi, a riconoscere e a comunicare agli altri le proprie emozioni, a lottare per realizzare i propri bisogni affrontando gli inevitabili conflitti che ciò comporta, sono più esposte ai problemi di salute. La nostra Autenticità, quindi, sembrerebbe un bene prezioso, da tutelare anche quando essa ci porta a vivere dei contrasti con l’ambiente esterno o con quello interno.

→ Siate felici di svolgere ciò che vi compete per il piacere stesso di compierlo. Il piacere e lo spirito del “giocare“, così da ritrovare più facilmente se stessi in ciò che si fa, questo è il segreto per vivere un vero presente.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto→ Confucio (551 a.C. – 479 a.C.). È risaputo che Confucio fosse vegetariano. Si afferma che abbia influenzato l’introduzione delle bacchette, perché pensava che i coltelli fossero troppo violenti nei pasti a causa della loro associazione con la macellazione. Confucio è stato promotore di un pensiero originale, inedito nel panorama culturale cinese del VI-V secolo a.C.: il suo insegnamento può essere sintetizzato come “il tentativo di elaborare una concezione etica dell’uomo nella sua integralità e universalità”, vale a dire che Confucio tentò di fornire una serie di indicazioni relativamente a quale fosse il modo migliore in cui l’uomo potesse condurre la sua esistenza, tenendo conto di tutti gli aspetti più importanti della natura umana. Ciò comportò non soltanto l’individuazione e la ridefinizione del significato di che cosa potesse significare di preciso “essere umani”, ma anche la proposta di un nuovo modello per la realizzazione di sé, giudicato compatibile con l’edificazione di una comunità umana prospera e armoniosa.

→ Ognuno di noi è portato a creare la propria realtà, il mondo esterno in cui viviamo è uno specchio nel quale è riflessa la forma solida della nostra immagine e contemporaneamente la nostra Ombra.
Il mistero della vita ci comunica, attraverso l’altro, come siamo. Esso si regge sulla base della “Legge dello Specchio” per cui ciò che è all’esterno di noi è come ciò che sta dentro noi, e non vi è alcuna distinzione o separazione tra essi, tutto è collegato, è Uno.

→ La paura del giudizio è una delle paure più diffuse e radicate che ci condiziona negativamente la vita giorno dopo giorno. Temiamo di essere rifiutati per quello che facciamo, diciamo, o semplicemente per quello che siamo. Abbiamo il timore di venir esclusi e così mettiamo in pratica dei comportamenti altrettanto dannosi per cercare di sconfiggere il senso del giudizio. Quello su cui dovremmo riflettere è che se ci sentiamo giudicati, è perché noi siamo i primi a farlo!

Produrre carne vuol dire coltivare la terra per nutrire il bestiame anziché gli oltre sette miliardi di esseri umani, con uno spreco di acqua, energia e suolo fertile. Allevare gli animali vuol dire anche produrre rifiuti e inquinamento atmosferico, infatti oltre il 50% dei gas serra presenti nell’ambiente è prodotto dall’industria zootecnica. Non possiamo permettercelo, soprattutto considerando quanta carne si mangia nel mondo, Italia compresa.

→ Avere un posto dove andare, è una casa. Avere qualcuno da amare, è una famiglia. Avere entrambi, è una benedizione.

→ Non andare in cima alla montagna per divenire Zen, ma porta lo Zen in cima alla montagna…

→ La comunicazione non parte dalla bocca che parla, ma dall’orecchio che ascolta.

*** *** ***

Amanda Gesualdi, Life & Sport Coach ✉️ amagesu@me.com – 3486503090 – Facetime o Skype – Milano – Lecco

#coaching #sportcoaching #lifecoaching #holisticoaching #sportolistico® #tennisolistico® #atletazen® #scuolailtempio® #olismo #spiritualità #disciplinebionaturali #reiki #meditazione #kinesiologia #psiche #triangolosalute #macrobiotica #vegan #foodismood® #ecologia #amandagesualdi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »